Wednesday, 17 July 2013

I'm neglecting you

Oh my dear blog, I feel link I'm really neglecting you.
Many things changed in the last few months (actually only one thing changed, but it's been a pretty big change) and I never feel like writing a post.
I know I'm very lazy and fickle, and I embrace it. However I will try a bit harder.
I'm not making any promises, so don't get angry if I don't keep them.
Until the next time

Tuesday, 16 April 2013

Grandi novità

Riprendo a scrivere sul mio blog con una grossa novità.
Ieri mi sono trasferita in Inghilterra e stamattina ho iniziato a lavorare come au pair.
I prossimi dieci mesi della mia vita prevederanno lunghe ore passate a colorare, giocare e fare passeggiate al parco.
Vorrei poter scrivere di più, ma è ora di guardare i cartoni animati.

A presto :)

Tuesday, 26 February 2013

Oh Ben, perchè sei tu Ben?

Oggi sono qui per parlare di un argomento serissimo e di fondamentale importanza per il benessere della popolazione mondiale.


La sottoscritta ha una nuova celebrity crush. 
Come è potuto succedere? Io sono immune a questo genere di cose.

Il fortunato individuo che da qualche settimana è oggetto dei miei più ardenti sentimenti di amore è lui, l'affascinante inglesino dai lineamenti delicati: Ben Whishaw.

Il bel Ben aveva già solleticato i miei sensi di ragno in tempi non sospetti.
Un paio di anni fa vidi per la prima volta Bright Star e rimasi impressionata dall'attore che intepretava John Keats: il nostro Ben, appunto.
A dimostrazione della mia early affection porto questa immagine, che dimora nel mio pc da millemila anni.



Per qualche oscuro motivo ai tempi non feci alcuna ricerca sugli attori protagonisti, e la storia per il momento finì così.


Qualche settimana fa mi sono decisa a colmare una gravissima lacuna recuperando quel gioiellino televisivo che è The Hour.
Come accade solitamente con ogni serie britannica durante la visione i primi due episodi della prima stagione ho giocato a "dove ho già visto questo attore inglese dal viso familiare?", con ahimè scarsi risultati.

Alla fine ho avuto un'epifania: Freddie Lyon era John Keats.

Subito mi sono fiondata su imdb, con l'intenzione di scoprire il più possibile sull'aitante inglesino.
In meno di una settimana ho guardato Skyfall, Cloud Atlas e persino le due ore e ventuno minuti di The Hollow Crown, che vedono Ben nei panni di Riccardo II.

Ora cederò il posto alla fangirl in me, che ci tiene a condividere alcune numerose foto di Ben Whishaw, a dimostrazione che 1. Ben è un bell'uomo; 2. ha degli occhi da paura; 3. i suoi capelli sono la cosa più bella del mondo; 4. Ben è un bellissimo uomo e così via.


Q (Skyfall)
Robert Frobisher (Cloud Atlas)
Freddie Lyon (The Hour)
Richard II (The Hollow Crown)

Infine, proprio per non farci mancare niente, ecco il nostro Ben nei panni di Georgette, nel film Cloud Atlas. Leggermente inquietante, vero?



Monday, 11 February 2013

Nuovi (anziani) passatempi

Ho sempre sostenuto di essere vecchia dentro, e il mio nuovo hobby non può che confermarlo. Infatti da circa una settimana ho imparato a lavorare a maglia.

Domenica scorsa, in preda alla noia più violenta, ho setacciato gli armadi di casa alla ricerca di un gomitolo di lana. 
Dopodichè ho assillato mia madre, chiedendole di insegnarmi a sferruzzare.
Dopo un'ora ero già assorbita dal ritmo cadenzato di diritto e rovescio.

Qualche giorno dopo mi sono procurata un gomitolo nuovo ed ho incominciato il mio primo progetto: uno sciarpone a coste per mia sorella Eli.
Putroppo un gomitolo è un'entità finita, e dopo soli due giorni di lavoro, mi sono trovata di nuovo senza lana.

Ed ecco che Madre è giunta in mio soccorso, regalandomi ben sei gomitoli di lana lilla.
Ho messo in stand-by il primo progetto, e piena di entusiasmo ne ho iniziato un altro: una fascetta per riparare le orecchie dal freddo (come quelle che indossano i bambini sotto i cinque anni e gli anziani sopra i sessantacinque).

Una volta finita ho pensato di abbinarle uno sciarpone dello stesso colore, che ieri ho iniziato a realizzare.

Ovviamente un nuovo passatempo richiede una nuova board su Pinterest. Subito ho creato la board I ♥ Knitting, dove ho già pinnatto alcuni ambiziosi progetti.

Sperando che la mia nuova passione non sia uno dei soliti fuochi di paglia, io ritorno a sferruzzare allegramente.

A presto 

Thursday, 24 January 2013

Da piccola odiavo Eragon



Non ho mai commesso un errore di valutazione così grande. Sto cercando una punizione adeguata da autoinfliggermi. Ho pensato di chiudermi tutte le dita nello sportello del forno, ma potrebbe non essere sufficiente a rimediare ad uno sbaglio così colossale.

Cosa ho combinato? Ho snobbato Eragon per quasi nove anni, credendo che fosse una cagata pazzesca. Che idiota.
Avevo undici anni ed era appena esplosa la Eragon mania. Mi procurai una copia del libro, e ne lessi solo mezza pagina, prima di decidere che mi faceva schifo. Perché mi comportai come una perfetta cretina? Non lessi Eragon, e continuai a parlarne male in ogni occasione solo perché piaceva ad un bambino che a me stava antipatico. Brava Anna, complimentoni.

Qualche settimana fa ho portato il mio cuginetto in biblioteca, così ne ho approfittato per esplorare un po’ la sezione della narrativa per ragazzi. Sull’ultimo ripiano dello scaffale ho visto una copia di Eragon che mi guardava speranzosa. Non ho saputo resistere, la curiosità era troppo forte.

In ogni caso sono partita prevenuta, sotto sotto volevo che non mi piacesse, per non contraddire così brutalemente la Anna di nove anni fa.
Nonostante tutti i pregiudizi sono stata catapultata nel regno di Alagaësia, immaginando di volare in sella a Saphira, facendo magie e combattendo contro gli Urgali.

Non sono mai stata così felice di cambiare opinione riguardo ad un libro.

Ora sono in preda ad un conflitto interiore. Parte di me vorrebbe procurarsi gli altri tre capitoli della saga e divorarli nel giro di pochi giorni, mentre il mio lato razionale suggerisce di centellinare la lettura.
Che fare?